Menu Principale

Giorgio Ramella è il Maestro del Palio 2017 Stampa E-mail
Martedì 14 Marzo 2017 20:32

"..per il drappo del vincitore tanto colore
e un cavallo dipinto in modo libero per dare l’idea della velocità"

E' stato presentato Lunedì 13 marzo 2017 nel corso di una conferenza stampa svoltasi nella Sala Consigliare del Municipio, il Maestro del Palio 2017, Giorgio Ramella.

A prendere per primo la parola durante la conferenza è stato il Sindaco Fabrizio Brignolo che ha voluto spiegare il perché della scelta illustrando come, vista l'importanza del nostro Palio e la sua diffusione in Italia e all'estero, sia importante affidarsi ad artisti di chiara fama nazionale ed internazionale così da dare lustro a tutta la città. Dopo aver ricordato che Ramella, come alcuni suoi illustri predecessori, provenga dalla scuola torinese, il Sindaco si è detto contento di chiudere in bellezza la sua avventura da primo cittadino per quanto riguarda la scelta di colui che dipingerà i due drappi.


Grande soddisfazione, l'ha espressa anche l'Assessore Massimo Cotto che ha spiegato come la fama dei risultati ottenuti in carriera sia stato il criterio adottato per far ricadere la scelta su Ramella a dispetto delle innumerevoli candidature pervenute nel corso degli scorsi mesi.

A prendere poi la parola è stato il Capitano del Palio Michele Gandolfo che si è complimentato con Ramella e con l'Amministrazione per la scelta fatta e ha sottolineato come, durante la sua chiacchierata con l'artista, abbia illustrato a lui l'importanza del Palio per gli astigiani, grande al punto da far sì che i due drappi diventeranno simboli di gioia e felicità per la città. A chiudere la conferenza sono state le parole del Maestro Ramella che si è dapprima detto felice di rappresentare una sorta di continuità con alcuni amici che negli scorsi anni hanno dipinto i nostri palii, e poi ha confessato di essere particolarmente curioso di assistere alla corsa dal vivo.

Per quanto riguarda i drappi poco è trapelato, se non che su quello destinato alla Collegiata di San Secondo verrà rappresentata anche la città, mentre su quello destinato al vincitore della corsa l'artista si è sentito più "libero di fare". Su nessuno dei due drappi, invece, saranno presenti richiami al cinquantennale dalla ripresa del Palio.

I due drappi, come da tradizione, verranno svelati e mostrati alla città la sera del 29 aprile in occasione della Stima del Palio.

LA SCHEDA DELL'ARTISTA
Ramella, nato a Torino il 24 febbraio 1939, dopo essersi formato con maestri quali Enrico Paulucci e Mario Calandri, esordì sulla scena artistica torinese negli anni '60 con un'esposizione alla Galleria La Bussola insieme ad artisti come Ruggeri, Saroni, Soffiantino e Gastini. L'artista, sempre negli anni '60, ha poi esposto le proprie opere in importanti mostre quali il Premio San Fedele a Milano, il Premio Michetti a Francavilla al Mare, il Premio Scipione a Macerata e la Quadriennale Nazionale a Roma. Nel proprio curriculum Ramella può vantare mostre anche a Ginevra, Parigi, Bruxelles, Buenos Aires, San Paolo e Toronto. Nel corso degli ultimi anni l'artista ha presentato una trentina di opere nel Complesso del Vittoriano in una mostra a lui dedicata nel 2006, nel settembre del 2009 le sue opere sono approdate poi nelle Officine Grandi Riparazioni di Torino e a dicembre del 2011, infine, circa trenta opere di diverso formato, accompagnate a piccoli aeroplanini in legno costruiti e dipinti dallo stesso Ramella, sono state esposte nella prestigiosa sede di Palazzo Chiablese a Torino.


fonte: ilCanapo.com

 

#social

Corsi Sbandieratori

Brochure Palio di Asti

brochure palio di asti 2016